Crostate/ Ricette Abruzzesi/ Ricette Abruzzesi Dolci/ Ricette Dolci

Crostata di Solina con composta di mele cotogne

crostata di solina con composta di mele cotogne

La Crostata di Solina con composta di mele cotogne è il mio contributo abruzzese al tema “scopriamo i cereali locali” per la rubrica l’Italia nel Piatto.

Buon inizio novembre amici lettori! Eccoci al consueto appuntamento con la rubrica L’Italia nel Piatto, che per questo mese ha come tema “scopriamo i cereali locali“. Per rappresentare l’Abruzzo, ho preparato una Crostata di Solina con composta di mele cotogne, un dolce squisito, che racchiude i profumi tipici della mia terra e quel gusto genuino e rustico che la caratterizza. Chi mi segue da un po’ sa che amo la farina di grano Solina. Uso questa farina tantissimo in cucina, soprattutto per preparare la pasta fatta in casa, il pane e i lievitati salati come la pizza. La Solina però si può usare anche per fare i dolci. E’ perfetta per preparare dolci semplici, dal sapore schietto e come diciamo noi “paesano”. Si presta idealmente ad essere usata per crostate, ferratelle e biscotti, a cui conferisce senza dubbio più carattere!

Il grano Solina, un cereale di antica tradizione, che veniva coltivato in Abruzzo già nel XVI secolo.

Il grano Solina è un cereale autoctono abruzzese, da cui si ricava una particolare farina di frumento a basso contenuto di glutine. I primi terrazzamenti e appezzamenti montani in cui si coltivava il Solina risalgono al XVI secolo e in passato, la coltivazione di questo grano tenace e resistente alle basse temperature, serviva a garantire i pasti alla famiglia. La zona caratteristica di coltivazione del grano Solina è intorno al Gran Sasso, soprattutto sul versante aquilano. Cresce bene tra i 600 e i 1400 mt di altitudine e resiste anche sotto la neve. E’ un tipo di cereale che da il meglio di sè proprio in altitudine e con le temperature più fredde. Viene coltivato ormai anche in altre zone dell’Abruzzo, come la Marsica e vanta il marchio di Presidio Slow Food.

crostata di Solina con composta di mele cotogne

Abruzzo, terra ricca di cereali antichi autoctoni, alcuni riscoperti solo qualche anno fa.

Per il tema di questo mese, ho scelto di preparare una Crostata con farina di Solina, perchè questo grano tipico nostrano è sicuramente il cereale più diffuso e comunemente usato, ma non è l’unico. L’Abruzzo è ricco di cereali antichi autoctoni e negli ultimi anni, per fortuna, ne sono stati riscoperti diversi. Tra i grani teneri oltre al Solina abbiamo le varietà Rosciola, Bianchetta, Frassinese, Casorella e Belvedere. Per quanto riguarda i grani duri ci sono le varietà Saragolla, Senatore Cappelli, Ruscìa e Marzuolo. Da non dimenticare il granturco, molto usato nella mia regione per polenta, pani tradizionali e pizze rustiche.

La Crostata di Solina con composta di mele cotogne è la mia idea di dolce abruzzese. Come le amate ferratelle, questo tipo di dolce ha pochi fronzoli, ma ha tanto gusto ed è perfetto in qualsiasi momento della giornata. Si prepara in pochi minuti e si può usare qualsiasi confettura o marmellata, largo alla fantasia! Il mio unico consiglio è di usarne una con pochi zuccheri aggiunti, non troppo dolce, perché solo così riuscirete ad apprezzare appieno il sapore verace della crostata.

Vediamo insieme come preparare la Crostata di Solina

Crostata di Solina con composta di mele cotogne

Dolce Cucina abruzzese
By unamericanatragliorsi Serves: 8-10
Prep Time: 20 minuti Cooking Time: 30 - 40 minuti

Una crostata rustica e genuina, dai sapori e profumi abruzzesi.

Ingredients

  • PER LA FROLLA ALL'OLIO
  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • 100 g di zucchero
  • un pizzico di sale
  • la buccia grattugiata di un limone bio
  • 80 g di olio di semi o d'oliva leggero
  • 280 g circa di farina di Solina (o altra farina di tipo 1)
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • PER FARCIRE
  • 400 g circa di composta di mele cotogne (o altra confettura a piacere)

Instructions

1

In una ciotola mescolate insieme l'uovo, il tuorlo, lo zucchero, il sale, la buccia grattugiata e l'olio, usando una forchetta oppure una frusta a mano. Incorporate gradatamente la farina e il lievito. Mescolate prima con una forchetta e poi lavorate la frolla con le mani, fino ad ottenere un panetto omogeneo che non attacca alle mani.

2

Spianate 2/3 della frolla ad uno spessore di circa 4 o 5 mm e con questa rivestite uno stampo da crostata ben imburrato e infarinato. Pareggiate i bordi e riempite con la composta o confettura scelta. Con la frolla rimasta, fate delle strisce da mettere sopra, per creare il classico intreccio da crostata.

3

Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 30-40 minuti o fino a leggera doratura della crostata.

Notes

La composta di mele cotogne è tipica in Abruzzo, ma potete sostituirla con un'altra a vostro gusto. Sceglietene una non troppo dolce per non rovinare il gusto rustico e genuino della crostata di Solina. La composta che ho usato io è stata fatta da mio fratello, con le mele cotogne dell'albero di papà.

crostata di solina con composta di mele cotogne

Serena vita a tutti e alla prossima ricetta,

Mary

italia nel piatto abruzzo

Non perdetevi le altre proposte della rubrica, che trovate qui sotto!

Valle d’Aosta: Farinata di segale

Piemonte: Polenta di furmentìn con salsa ai porri

Liguria: Bernardo di Ventimiglia

Lombardia: Il riso in cagnone

Trentino-Alto Adige: Schlutzkrapfen – Mezzelune tirolesi

Veneto: Torta di riso ai profumi mediorientali (con riso del delta del Po)

Friuli-Venezia Giulia: Paparot – Minestra di polenta e spinaci friulana

Emilia-Romagna: Risotto alla modenese

Toscana: Torta di farro della Garfagnana

Umbria: Zuppa di farro e patate

Marche: Zuppa di zucca e farro

Lazio: Supplì di farro

Molise: Pannocchio, panettoncino al mais di Campobasso

Campania: Pane con farina tipo 1 da grano tenero “Autonomia” del beneventano.

Puglia: Grano all’arrabbiata con funghi cardoncelli

Basilicata: I cereali nella cucina lucana

Calabria: Riso di Sibari ai sapori di Calabria

Sicilia: Spaghetti di Tumminia con Cavolfiore e Olive Nere

Sardegna: Risotto ai funghi porcini, salsiccia secca sarda e Casizolu su Pistoccu di Montresta

Per restare sempre aggiornati con le mie ricette, seguitemi anche su Instagram e su Facebook! Vi aspetto ❤️

17 Comments

  • Reply
    Natalia Piciocchi
    2 Novembre 2021 at 3:21 pm

    Che bella questa crostata, a me non vengono mai così perfette!!!! Mi piace molto la base di questo dolce, deve essere leggera e salutare. La proverò con la mia composta di mele cotogne: quest’anno ne ho prodotto una quantità industriale!!!!! Baci.

    • Reply
      unamericanatragliorsi
      6 Novembre 2021 at 6:08 pm

      Grazie di cuore per i complimenti Natalia, sono felicissima che ti piaccia! Sono certa che le tue crostate siano splendide, come tutto quello che fai!
      Un abbraccio,
      Mary

  • Reply
    Piccolalayla - Profumo di Sicilia
    2 Novembre 2021 at 8:12 pm

    Posso averne una fetta? Bellissima e deliziosa! A presto LA

    • Reply
      unamericanatragliorsi
      6 Novembre 2021 at 6:09 pm

      Vieni Laura, ti aspetto a braccia aperte! Grazie mille!
      Un abbraccio,
      Mary

  • Reply
    Elena
    2 Novembre 2021 at 9:38 pm

    il grano di Solina è una vera eccellenza e questa tua crostata una vera chicca, sia per la farcitura che per la decorazione… bravissima!

    • Reply
      unamericanatragliorsi
      6 Novembre 2021 at 6:09 pm

      Ti ringrazio tanto Elena, sei davvero gentilissima!
      Un abbraccio,
      Mary

  • Reply
    zia Consu
    7 Novembre 2021 at 6:24 pm

    Sai bene che con le crostate, mi prendi sempre per la gola..ma questa frolla deve essere sublime! Adoro l’uso delle farine di grani antichi, soprattutto nella pasticceria secca!
    Assaggerei (e probabilmente farei anche il bis) della tua deliziosa creazione!

    • Reply
      unamericanatragliorsi
      8 Novembre 2021 at 5:58 pm

      Siamo in sintonia Consu, anch’io adoro le farine ricavate da grani antichi e adoro le crostate! Grazie infinite tesoro!
      Baci,
      Mary

    • Reply
      unamericanatragliorsi
      8 Novembre 2021 at 5:58 pm

      Siamo in sintonia Consu, anch’io adoro le farine ricavate da grani antichi e adoro le crostate! Grazie infinite tesoro!
      Baci,
      Mary

  • Reply
    Marina
    8 Novembre 2021 at 8:54 am

    Mi impegnerò a cercare questa farina, perché mi incuriosisce tanto. Ottima la tua crostata Mary! un abbraccio

    • Reply
      unamericanatragliorsi
      8 Novembre 2021 at 5:57 pm

      Quando verrai da me, te la farò trovare Marina! Grazie mille!
      Un abbraccio a te,
      Mary

  • Reply
    sabrina
    8 Novembre 2021 at 5:50 pm

    Non conosco questo grano, l’aggiungo alla lista dei prodotti da provare assolutamente!
    Per quanto riguarda la crostata invece, che dire: per me hanno un fascino particolare, sanno di casa, di genuinità, di tradizione, trasmettono amore.

    • Reply
      unamericanatragliorsi
      8 Novembre 2021 at 5:56 pm

      Sono d’accordo con te Sabrina, le crostate sanno proprio di casa! Grazie di cuore!
      Baci,
      Mary

  • Reply
    Daniela
    8 Novembre 2021 at 9:32 pm

    Io amo tantissimo la crostata e mi piace così, senza tanti fronzoli, ma con prodotti d’eccellenza!
    Bravissima, una proposta meravigliosa.
    Un bacio

  • Reply
    Tina
    10 Novembre 2021 at 7:24 am

    Questo grano di Solinas mi ha incuriosito. La crosta é perfetta senza bisogno di dirlo

  • Reply
    carla emilia
    10 Novembre 2021 at 3:07 pm

    Ciao Mary eccomi finalmente a godere della tua meravigliosa crostata, è un piacere per gli occhi e immagino quanto sia buona 🙂 bacione

  • Reply
    Elisa
    30 Novembre 2021 at 2:30 pm

    Che buona che dev’essere!!!

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.