Le Ferratelle abruzzesi: dolci cialde della tradizione

11 Aprile 2022
le ferratelle abruzzesi

I dolci che più di tutti rappresentano la tradizione nella mia famiglia e in Abruzzo, sono le Ferratelle. Dure, croccanti, morbide o farcite, sono sempre deliziose e non stancano mai!

Buon inizio settimana! Le Ferratelle sono in assoluto i dolci abruzzesi più conosciuti e popolari, quelli che rappresentano la nostra tradizione, sia famigliare che regionale, anche all’estero. Per quanto riguarda la mia famiglia, non mancano mai e soprattutto alle feste se ne preparano in abbondanza. A casa mia di dolci se ne facevano tanti, di ogni genere. Mia madre ha sempre amato cucinare e pasticciare, esattamente come me. Se torno indietro nel tempo, sento ancora i profumi di brown sugar e cioccolato, di cannella e di buccia di limone, di anice e di caffè…Quanti bellissimi ricordi! È proprio vero che la cucina è emozione!

In questi giorni io e la mia amica Maria Grazia Cericola del blog Mamma ai fornelli, stiamo ospitando una iniziativa su Instagram sui dolci della tradizione. Ho riflettuto a lungo prima di decidere di fare Le Ferratelle per questa collaborazione. Avevo pensato ad altre ricette, ma gira che ti rigira, pensa che ti ripensa, i dolci più rappresentativi della tradizione per me sono proprio loro, queste cialde meravigliose, conosciute anche come pizzelle, cancellette o neole. Ho già diverse ricette di Ferratelle sul blog, ma il bello di questo dolce è che si presta a numerose varianti, che conquistano al primo morso e che hanno ognuna una loro personalità.

le ferratelle abruzzesi

Dure, croccanti, morbide o farcite: ad ognuno le sue Ferratelle

Le Ferratelle abruzzesi si preparano con un ferro apposito, che un tempo veniva dato in dote alle giovani spose. Spesso sui ferri antichi, si trovava inciso il nome della famiglia oppure le iniziali della sposa. Erano degli attrezzi semplici, fatti dai fabbri del paese, ma non vi era famiglia che non ne possedeva uno. Questi ferri tradizionali, che io adoro, vanno utilizzati sulla fiamma dei fornelli e un tempo nel camino. Oggi sono spesso sostituiti dalle piastre elettriche, molto comode ma certamente meno romantiche!

Queste dolci cialde si possono fare dure, come in questa mia ricetta, si possono fare nella versione farcita delle Coperchiole, oppure in una ricetta esotica come gli S’mores . Si possono usare diversi tipi di farina, oppure aromi differenti. Fondamentalmente in Abruzzo, le Ferratelle si distinguono in dure, morbide e farcite, ma a me piace sperimentare, quindi libero la fantasia e mi lascio guidare dall’istinto! La ricetta che condivido con voi oggi è diversa dalle altre che trovate nel blog e anche questa è davvero squisita. Questi dolcetti sono una via di mezzo tra le Ferratelle dure e quelle morbide, le definirei croccanti e dalla consistenza quasi friabile. Deliziose mangiate al naturale, sono fantastiche farcite con una buona confettura oppure con della crema di nocciole. Le vedo anche perfette anche per accompagnare un dolce al cucchiaio come uno zabaglione oppure un gelato. Vi invito a provarle amici lettori, sono sicura che non ne rimarrete delusi!

Se non siete attrezzati ma avete voglia di provare le Ferratelle, su questo sito trovate tante piastre per tutti i gusti!

le ferratelle abruzzesi

Seguitemi per preparare insieme Le Ferratelle abruzzesi!

Le Ferratelle abruzzesi

Dolce Cucina abruzzese
Di unamericanatragliorsi Porzioni: 18 grosse cialde
Preparazione: 10 minuti Cottura: 30 - 40 minuti

Una versione croccante e friabile delle Ferratelle abruzzesi tradizionali.

Ingredienti

  • 3 uova
  • 150 g di zucchero
  • un pizzico di sale
  • la buccia grattugiata di 1/2 limone
  • 150 g di olio di semi di girasole (oppure di oliva leggero)
  • 30 g di liquore anice o brandy
  • 300 g di farina
  • 1/2 bustina di lievito per dolci

Procedimento

1

Con una frusta a mano o una forchetta, lavorate le uova intere con lo zucchero, il sale e la buccia di limone. Aggiungete l'olio e poi il liquore. Per ultimo incorporate la farina e il lievito. Mettete la pastella da parte e mettete a scaldare il ferro oppure la piastra elettrica.

2

Se usate il ferro classico, mettetelo a scaldare per una decina di minuti sul fornello medio, con la fiamma medio bassa. Deve diventare rovente ma non fumante. Oliate le due piastre del ferro, aiutandovi con un pennello oppure con della carta da cucina e poi versate una cucchiaiata di pastella al centro del ferro. Chiudete e cuocete prima da un lato e poi dall'altro per circa un minuto. Controllate per verificare la cottura, la cialda dev'essere bella dorata. Staccate la cialda dal ferro delicatamente, aiutandovi con una forchetta e mettete a raffreddare su una superficie piatta, come per esempio la spianatoia oppure un piano di marmo. Continuate così fino ad esaurimento della pastella.

3

Se usate una piastra elettrica, regolatevi secondo le istruzioni dell'azienda. È sicuramente più facile da usare del ferro tradizionale, ma una volta preso la mano, anche questo diventa un gioco da ragazzi.

4

Una volta fredde, gustate le ferratelle al naturale oppure farcite con marmellata, confettura o creme varie.

Valori Nutrizionali

  • per cialda grande 180 Calorie

Note

Il ferro che ho usato io è molto grande, con una lavorazione a ventaglio. La cialda ottenuta si divide poi in quattro parti. Ci sono diversi tipi di ferri con lavorazioni differenti, tutte bellissime. Per far scivolare agevolmente la pastella sulla piastra, immergo il cucchiaio in un bicchiere d'acqua a temperatura ambiente prima di raccogliere l'impasto da cuocere.

ferratelle

Serena vita e alla prossima ricetta!

8 Commenti

  • Rispondi
    Daniela
    11 Aprile 2022 a 11:21 pm

    Non le ho mai fatte, ma quando ero a Roseto le compravo in panetteria ed erano deliziose. Quanti ricordi…..
    Un bacio

    • Rispondi
      unamericanatragliorsi
      13 Aprile 2022 a 9:47 pm

      Sono felice d’averti fatto tornare in mente bei momenti Daniela. Roseto è una cittadina adorabile! Grazie di cuore <3
      Un abbraccio,
      Mary

  • Rispondi
    Ipasticciditerry
    12 Aprile 2022 a 10:24 am

    Sai che io non le ho mai assaggiate? Penso mi piacerebbero comunque. Sono stupende sai? Tu sei sempre bravissima. Buona Pasqua tesoro

    • Rispondi
      unamericanatragliorsi
      13 Aprile 2022 a 9:49 pm

      Oh ma devi rimediare Terry… Vieni in Abruzzo e te ne preparo un bel vassoio! Sei gentilissima cara, grazie davvero!
      Un abbraccio grande e Buona Pasqua anche a te e famiglia,
      Mary

  • Rispondi
    saltandoinpadella
    12 Aprile 2022 a 10:56 am

    Le ho assaggiate una volta, e se non sbaglio sono tipo le cialde dei coni giusto? queste devono essere deliziose sia croccanti al naturale spalmate con confettura e tanta frutta fresca

    • Rispondi
      unamericanatragliorsi
      13 Aprile 2022 a 9:50 pm

      Sì Elena, sono simili alle cialde dei coni, ma molto più buone! Ci sono diversi tipi, con consistenze differenti, ma sono tutte squisite! Farcite con la confettura poi, sono favolose!
      Un abbraccio e grazie mille,
      Mary

  • Rispondi
    speedy70
    14 Aprile 2022 a 7:49 pm

    Ma che meraviglia cara, le adoro, complimenti!!!!

    • Rispondi
      unamericanatragliorsi
      14 Aprile 2022 a 9:38 pm

      Grazie infinite Simona, sono felice che ti piacciano!
      Un abbraccio,
      Mary

    Lascia un Commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.